Tags

, ,

Condividi

 

wMartedì 10 aprile si è svolto il quinto e ultimo incontro del “Gruppo grandi” della scuola dell’infanzia “Don Piazzoli” di Brembo (Dalmine). Si tratta della fine del percorso che li ha visti interessati nell’ambito del progetto: “Raccontare la città industriale 7.0”.

Come abbiamo già scritto nei precedenti articoli, questi bimbi sono stati coinvolti per comprendere come la città di Dalmine sia cambiata dagli anni cinquanta ad oggi, incentrandosi in particolare sulla nascita dei quartieri “Brembo” e “Cinquantenario” di Dalmine.

Dopo aver personalmente visitato e fotografato gli edifici più significativi di Brembo, ove ha sede la loro scuola, gli alunni si sono serviti dell’aiuto degli studenti della 3A della scuola primaria “De Amicis”, per ricevere un resoconto fotografico sul quartiere Cinquantenario.IMG_8973

Una volta in possesso di tutto il materiale necessario, i bambini dell’infanzia hanno messo a confronto gli scatti contemporanei con quelli storici degli anni cinquanta-sessanta, conservati negli archivi della “Fondazione Dalmine”.

Sono stati creati dei veri e propri collage, accostando fotografie raffiguranti gli stessi edifici, ma in diverse epoche! L’obiettivo è stato quello di far comprendere quali siano i cambiamenti avvenuti col passare dei decenni.y

La creazione di queste tavole fotografiche non è stata però fine a se stessa, ma è stata indirizzata alla riproduzione di un programma televisivo italiano, trasmesso proprio a partire dagli anni cinquanta sulle reti nazionali: l’Intervallo.

L’intervallo prevedeva lo scorrere di fotografie di paesaggi o monumenti, accompagnate da didascalie. Nella riproposizione del programma è tuttavia sorto un problema non da poco: questi bambini non sanno scrivere! Di conseguenza non avrebbero potuto cimentarsi nella descrizione dei loro collage.Per superare questa difficoltà ci si è serviti di uno stratagemma! Gli alunni si sono seduti in cerchio e, aiutati e guidati dalle ragazze della 4FS dell’ISIS Einaudi, a turno sono stati interpellati uno ad uno. zAd ogni studente è stato chiesto di dare oralmente un titolo alla propria opera e le loro voci sono state registrate, per fungere da didascalie.x

Il video verrà presto montato, riportando i collage di tutti i bambini dell’infanzia, con le loro  audio didascalie…e voilà: l’Intervallo dalminese sarà presto servito! Per vedere il risultato non bisognerà far altro che aspettare la festa finale di presentazione, che si terrà il 18 maggio alla Fondazione Dalmine. Aspetteremo con impazienza!