Finalmente! Anche i bambini della scuola dell’infanzia statale Don Piazzoli di Brembo e della scuola comunale Giovanni XXIII di Mariano hanno iniziato il percorso previsto per il progetto Raccontare la città industriale 3.0.

I più piccoli sono arrivati in Fondazione Dalmine nella mattina di ieri e di oggi, per scoprire, giocando, una storia a loro sconosciuta: quella della città industriale di Dalmine. Punto di partenza la visita nelle stanze misteriose che hanno imparato a chiamare con il loro nome: Archivio! Grazie agli indizi lasciati loro hanno raggiunto il piano superiore e…con voci entusiaste e con occhi curiosi salutato l’Archivio. Ad attrarli l’aria fresca, gli armadi chiusi e ben sigillati e, naturalmente, i neri “timoni” che aprono gli scaffali.

Il divertimento è continuato attraverso una caccia al tesoro tra i ricordi del passato: un bottino impacchettato aspettava infatti d’essere recuperato! A svelare il contenuto una lettera dell’architetto Giovanni Greppi, che in un tempo assai lontano ha pensato e disegnato la città.

I bambini hanno ascoltato le sue parole e, dopo aver aperto il tesoro, si sono accorti che ciò che avevano trovato erano ricordi preziosi e delicati: pagine ingiallite con foto bianche nere e grigie – come amano definirle – e parole che narrano la storia della città.

Come tutte le storie…anche questa iniziava così: “C’era una volta, in un posto non molto lontano…” . Tutti si sono accomodati ad ascoltare, ma la lettura è finita in modo strano: “Che bella questa città…peccato che un giorno…”.

Che cosa accadrà? Lo scopriremo nel prossimo incontro, il 10 e 11 marzo.