IMG_8218_web
A febbraio sono ripartiti gli incontri con i ragazzi delle scuole che hanno aderito al progetto “Raccontare la città industriale 5.0”. Stiamo parlando delle classi dell’infanzia della Cittadini di Dalmine, della primaria Carducci, della secondaria di primo grado dell’IC Aldo Moro e di quelle di secondo grado dell’IIS Einaudi e Marconi. Ogni classe sarà fondamentale per la buona riuscita del prodotto finale: un videoclip sulla storia del movimento di persone e merci a Dalmine.
IMG_7999_web
Per tutti, grandi e piccini, il primo incontro si è svolto presso la Fondazione Dalmine dove è stato possibile conoscere l’archivio e soprattutto il tema del progetto: “Muoversi a Dalmine” nel tempo. Alla 4A della Carducci è stata affidata la ricerca dei testimoni, cioè di coloro che possono raccontarci come un tempo era possibile spostarsi per la città di Dalmine. Chiunque può essere un testimone: genitori, nonni, zii, vicini di casa, amici e chi ne ha e più ne metta! E non solo: fondamentali potrebbero essere anche fotografie e tutto il materiale documentario che i nostri “pozzi di memoria”, come li abbiamo voluti definire, potranno mettere a disposizione.
IMG_8026_web
Alla 3A dell’Aldo Moro il compito di stilare le domande da sottoporre ai futuri testimoni, oltre che aiutare nella ricerca i colleghi della scuola primaria Carducci; è toccato poi anche ai più grandi delle quarte superiori rimettersi al lavoro con la stesura della sceneggiatura. Indispensabile è stata, come sempre, la presenza di Sergio Visinoni dell’Associazione Laboratorio 80 di Bergamo che ha avvicinato i ragazzi alla tecnica del videoclip. Tutti si troveranno per la prima volta su un vero e proprio set a contatto con strumentazione professionale da gestire, come una telecamera, dei microfoni,delle cuffie e le luci…
IMG_8041_web
E’, ovviamente, un lavoro di squadra, che vedrà la collaborazione e il coordinamento tra le varie classi.
Per i ragazzi e i bambini rappresenterà una sfida che significherà duro ma sicuramente stimolante lavoro.
I lavori di ricerca e di organizzazione stanno procedendo, perciò…avanti tutta!