DA_F_p00116_042N

Mercoledì 13 novembre 2014 | ore 16.30, Fondazione Dalmine, via Vittorio Veneto Dalmine

Cibo e acqua a Dalmine. Raccontare la città industriale

Mercoledì 13 novembre 2014 si terrà il primo dei due appuntamenti che la Fondazione Dalmine dedica alla storia dei consumi alimentari e di acqua, per iniziare ad affrontare insieme i temi di Raccontare la città industriale, il progetto didattico promosso dalla Fondazione Dalmine, giunto quest’anno alla quarta edizione, per riflettere sulla storia di Dalmine. Un percorso sui cambiamenti nelle abitudini alimentari, sul consumo di acqua, sull’evoluzione delle tecnologie domestiche, in un territorio di origine contadina trasformatosi nel Novecento in area urbana e industrializzata.

Si affronterà il tema del cibo non solo come realtà commestibile, ma come qualcosa che è in funzione dell’uomo e delle sue esigenze scoprendolo e valorizzandolo in tutta la sua densità fenomenologica; si scopriranno le diverse esperienze della sua produzione e del suo consumo in campo agricolo, alimentare e sociale sperimentate nel tempo all’interno della fabbrica siderurgica e nella città; si analizzerà il tema delle abitudini alimentari e degli stili di vita attraverso il confronto tra passato e presente tenendo in considerazione le influenze della cultura, dei mass media e della tecnologia sulla determinazione del livello di salute personale e comunitaria.

Per spiegare tutti questi aspetti, presentare spunti e riflessioni, stimolando il pubblico di docenti e operatori culturali, ci saranno gli esperti del CEA-Centro Etica Ambientale con i contributi di AcliTerra e Asl di Bergamo.

Su richiesta sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

Il secondo incontro si terrà mercoledì 26 novembre, alle ore 16.30 con i due interventi di Peppino Ortoleva e Ivo Mattozzi sui cambiamenti nelle abitudini alimentari, sul consumo di acqua e sull’evoluzione delle tecnologie domestiche.