Come valorizzare al meglio dei progetti di alternanza scuola-lavoro all’interno del curriculum scolastico?

Ci piace a questo proposito sottolineare l’esperienza degli studenti delle classi 5DS, 5ES e 5FS indirizzo socio-sanitario dell’ISIS Einaudi di Dalmine, che hanno partecipato con entusiasmo e ottimi risultati in questi mesi e nel precedente anno scolastico a dei percorsi della Fondazione.

Se le classi 5ES e 5FS – come abbiamo già raccontato – hanno progettato, ideato e realizzato attività laboratoriali per bambini della scuola d’infanzia a partire dai documenti dell’archivio storico di TenarisDalmine, la classe 5DS, dopo un’attiva partecipazione all’edizione 2017 del progetto Raccontare la città industriale, sul tema della Grande Guerra, ha proseguito anche quest’anno la collaborazione in alternanza scuola-lavoro con la Fondazione Dalmine, in un nuovo viaggio tra presente e passato, tra scoperta e ricordi della città industriale di Dalmine. Un percorso che li ha visti protagonisti e guide in un incontro tra generazioni ricco di emozioni, di storie di vita narrate e immaginate!

Agli studenti della 5DS è stato assegnato il compito di preparare due classi di bambini della Scuola Primaria, dell’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII di Osio Sotto, alla conoscenza di una decina di ospiti del Centro diurno integrato San Donato di Osio Sotto, ente con cui la Fondazione collabora da alcuni anni con percorsi legati alla memoria del territorio e dell’impresa. Questo progetto in alternanza scuola-lavoro eredita infatti l’attività laboratoriale di 3-19 sperimentata nel 2017 dalla attuale classe 4E primaria di Osio con ospiti del Centro con la realizzazione finale del video Ricordi.

Dopo due incontri all’Istituto Einaudi a Dalmine a dicembre e inizio gennaio di quest’anno, con il responsabile del Centro San Donato e poi con gli operatori della Fondazione, i ragazzi della 5DS si sono recati in trasferta a metà gennaio a Osio Sotto tra i banchi di scuola dei bambini della primaria delle classi 3C e 3D. Qui grazie alla visione di filmati d’archivio e lavorando su mappe e foto contemporanee e storiche di luoghi e edifici significativi di Dalmine, gli studenti di quinta superiore hanno guidato i più giovani alunni attraverso una immaginaria linea del tempo negli anni vissuti dai loro bisnonni e nonni. A ciascun bambino hanno poi consegnato un album e delle foto storiche da ritagliare, incollare e incorniciare, legate al lavoro in fabbrica, allo studio e al tempo libero a Dalmine e in luoghi di vacanza. Un album dove immaginare storie di vita nel passato, frutto della loro fantasia evocata dalle foto, ma da confrontare con racconti di vita veri di “nonni” che abitano sul territorio. Gli studenti dell’Einaudi hanno così dato appuntamento ai bambini a un secondo successivo incontro, dedicato alla visita tra i banchi della scuola primaria di Osio di persone che ogni giorno si ritrovano e svolgono insieme delle attività in una struttura attrezzata del loro stesso Comune.

IMG_7876N IMG_7902N IMG_3884N

Per preparare al meglio l’incontro tra gli ospiti del Centro diurno e i bambini della primaria, gli  stessi ragazzi delle superiori hanno fatto direttamente visita una mattina  alla sede del Centro San Donato a Osio Sotto. Un incontro nel quale ogni barriera tra due generazioni distanti nel tempo è subito venuta meno. Sia gli anziani ospiti del Centro che i giovani studenti sono entrati facilmente in stretta familiarità. La particolare sensibilità dei ragazzi, maturata crediamo anche grazie al percorso scolastico scelto in ambito sociale, ha fatto breccia negli anziani ospiti del Centro desiderosi così di raccontare le loro esperienze e storie di vita ai visitatori. I “nonni” sono stati “adottati” e intervistati da coppie di studenti. Anche in questa occasione punto di partenza dell’attività insieme sono stati filmati amatoriali d’archivio e in particolare le fotografie storiche provenienti dalla Fondazione relative al lavoro e al tempo libero organizzato dall’impresa Dalmine. Nella veste di “giornalisti” e insieme di “nipoti” attenti a memorizzare e annotare, con registrazioni anche audio, ogni aspetto interessante e curioso del racconto, gli studenti hanno raccolto gli elementi necessari alla stesura di una breve biografa dei testimoni, arricchita dalle sensazioni ed emozioni da loro provate nell’incontro.

IMG_3609N IMG_3610 IMG_8143

Ed eccoci al 6 febbraio, all’appuntamento presso la scuola primaria di Osio Sotto per l’incontro tra tre generazioni in un viaggio nel tempo tra ieri e oggi. Di prima mattina i bambini della 3C e 3D hanno mostrato in anteprima gli album realizzati con foto d’archivio ai ragazzi della 5DS dell’Einaudi. Con il loro aiuto, gli alunni hanno poi iniziato a preparare e scegliere le domande per meglio catturare i ricordi e i racconti degli ospiti del Centro diurno, attesi a scuola per metà mattina. Dopo l’intervallo sono arrivati i dieci visitatori accompagnati dal personale del Centro e le aule si sono ancora di più allegramente riempite! Sotto l’attenta e premurosa regia dei ragazzi delle superiori, ospiti e bambini hanno iniziato a conoscersi, hanno sfogliamo insieme gli album fotografici arricchiti con fantasia di cornici colorate e brevi descrizioni. Esaurite le domande e le curiosità dei più piccoli, gli adulti intervistati hanno aggiunto altre storie e racconti della loro vita, alcune molte legate alla stessa azienda Dalmine, dove familiari e conoscenti hanno lavorato, sono stati testimoni di eventi tristi come il bombardamento durante la guerra, ma hanno avuto anche occasione di divertirsi nelle colonie estive e nelle diverse attività sportive organizzate dalla società.

IMG_3903

Quasi ora di pranzo, prima di salutare tutti gli studenti e rientrare al Centro diurno, gli anziani ospiti hanno ricevuto dai ragazzi di quinta superiore una bellissima sorpresa in regalo: degli album rilegati su cartoncino e personalizzati con le foto del loro precedente incontro, le storie biografiche e il racconto delle emozioni vissute nell’esperienza insieme.

Infine è toccato alla classe 5DS dell’Einaudi salutare e ringraziare gli alunni delle due classi terze della primaria di Osio Sotto con scatto di sorridenti foto di gruppo.

Come Fondazione Dalmine desideriamo ringraziare tutti gli studenti piccoli e grandi, gli ospiti e gli operatori del Centro diurno integrato San Donato per la partecipazione a questo coinvolgente progetto, pronti a riproporlo nel prossimo anno scolastico sempre in alternanza scuola-lavoro per favorire la socializzazione, la collaborazione e l’integrazione tra generazioni.

Grazie a tutti!

AlbumRicordi_5DS

AlbumStorieCittàIndustriale_3C-3D